Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Emmaus - Società Cooperativa Sociale a r.l. - Impresa Sociale 

Via Argentina 35 - 20037 Paderno Dugnano - Milano - Italia

Tel./fax 02 99 04 53 76

 

LE ICONE

“… Se tu vedi che l’incorporeo si è fatto uomo per te

allora puoi esprimere la sua immagine umana. Poiché

l’Invisibile , incarnandosi, si è mostrato visibile, è ovvio

che puoi dipingere l’immagine di colui che è stato visto.

… se colui che, pur essendo di natura divina ha fatto

sua la condizione dello schiavo, riducendosi alla quantità

ed alla qualità e rivestendosi delle umane fattezze,

dipingi allora sul legno la sua immagine e presenta alla

contemplazione colui che volle divenire visibile."

Giovanni Damasceno 

“L’icona è nella sua essenza un’arte religiosa o meglio un’arte teologica. Possiamo definirla un trattato di teologia, che non mira solamente a nutrire l’intelligenza , ma anche il cuore per far scaturire la preghiera. Sorta fin dalle origini del cristianesimo e dai secoli delle persecuzioni , arricchita dalla difficile ricerca dogmatica dei concili, purificata dalle lunghe prove della persecuzione iconoclastica, l’icona fa parte della grande corrente nella tradizione , cioè della vita interiore della Chiesa, prolungamento dell’incarnazione di Cristo . L’icona è intimamente legata al Vangelo ed alla liturgia: in essi affonda le radici e da essi trae il suo valore agli occhi della fede. Se si trascura l’elemento teologico, l’icona diviene un documento o un monumento storico , che con tiene preziosi informazioni per la storia o il folclore, ma che perde il suo valore spirituale. Trascurando l’elemento scientifico , si cade nel soggettivismo che impedisce di distinguere l’essenziale dall’accessorio e per ciò stesso, si rischia di alterare la verità trascendentale a cui mirava l’icona. Sorvolando sull’elemento estetico, si sottovaluta l’icona in modo ben evidente”.

(Da: L’icona – immagine dell’invisibile)