Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

L'Editoriale del 21 ottobre 2018

PoveriIn dieci anni si è triplicato l’esercito dei poveri.

Caritas italiana ha presentato l’annuale rapporto sulle povertà. I dati sono il risultato delle indagini dei 1982 Centri di Ascolto Caritas di 185 diocesi italiane. 197mila sono stati utenti che si sono rivolti a Caritas per un aiuto. Dal rapporto si nota che quando i problemi diventano cronici e si moltiplicano, si fa molto più complessa l’uscita dal tunnel dell’indigenza. Tra i nuovi indigenti crescono i giovani, coloro che hanno un basso livello di scolarizzazione e le famiglie straniere. “È un esercito di poveri in attesa, dice il rapporto Caritas, che non sembra trovare risposte e le cui storie di connotano per una allarmante cronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni” Significa che chi entra in uno stato di povertà oggi rischia di non uscirne più. Cresce tra gli utenti Caritas il numero di persone senza dimora o connotate da un minor capitale relazionale (famiglie uni-personali). Tra i nostri connazionali risulta povera una famiglia su venti, tra gli stranieri quasi una su tre. Al Centro Nord il 64% degli utenti è straniero, al Sud gli italiani sono quasi il 68%. Le statistiche, è vero, sono sempre da prendere per quel che valgono. Ma quello che conta non sono i numeri, un migliaio in più un migliaio in meno non fa differenza, la verità è che dietro i numeri ci sono persone, storie, drammi di uomini e donne che una volta entrate in povertà rischiano di non uscirne più.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna