Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Tempus fugit: L'orologio di Zarepta

DAL TEMPO DELLA NATURA AL TEMPO DELL’ UOMO

clessidra 1Che cos’è il tempo? Perché abbiamo bisogno di misurarlo?
Fin dall’antichità filosofi e studiosi si sono fatti queste domande e noi non potevamo esserne immuni, da qui la realizzazione del nostro orologio per capire come il tempo scandisca le nostre azioni di ogni giorno.
A volte lo diamo per scontato, senza renderci conto che in realtà è un fedele compagno di vita.

Tutti i popoli nel tempo hanno avuto bisogno di misurarlo, dal modo più arcaico guardando il sorgere del sole, al prolungarsi delle ombre, agli orologi più tecnologici da tenere al polso.
Noi allo stesso modo abbiamo deciso di misurare il nostro tempo con un metodo più ecologico che mai.OrologioA

Con un pannello di riciclo diviso in due, abbiamo posizionato nella parte marrone il tempo ordinario, quello che ci impone la società, gli impegni quotidiani, lo scandire dei minuti che formano le nostre ore; la parte bianca, dove il tempo sfugge dalla routine quotidiana, trasformandosi in tempo da dedicarci, da assaporare e trascorrere insieme.

OrologioBLo abbiamo creato studiando come rendere ciascuno di noi partecipe.
Ci serviva qualcosa di facile realizzazione, che potesse rappresentare lo stare insieme, il partecipare tutti come a completare un puzzle e che nessuna creazione andasse perduta, ed ecco l’idea del gioco del domino.
Le sue tessere erano perfette in tutte le sfaccettature che volevamo rappresentare. Le tesserine sono state realizzate nella nostra falegnameria con gli scarti delle icone: ognuna è stata levigata, colorata in bianco nero o grigio, si proprio tre colori, ma perché?
Perché il tempo non è sempre sereno, ci sono giorni sì e giorni un po' più tristi ed i colori rappresentano la condizione in cui ci troviamo. Da qui il sovrapporsi delle tesserine, infatti i momenti ‘no’ si possono trasformare positivamente condividendo le difficoltà insieme e facendole diventare momenti di crescita collettiva.

Come nella cappella, così come nell’orologio ci sono dei fasci dorati che vogliono rappresentare la luce di Dio che entra nella nostra vita.

Ci siamo innovati ma abbiamo perso una cosa del vecchio orologio naturale: l’orologio digitale ha annullato il tempo in funzione dello scorrere del sole e delle stagioni considerandolo in funzione di noi stessi e della società che ci circonda.
Mediante la realizzazione di questo orologio abbiamo avuto modo di usare il nostro tempo, condividendo qualcosa di bello e di utile insieme, ritrovando un po' il tempo degli antichi.

(by Maida Zoratto)

OrologioA 3