Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Le Encicliche di papa Francesco

Stemma di FrancescoFratelli tutti (3 ottobre 2020) è la terza enciclica di papa Francesco scritta nel suo ottavo anno di pontificato. Annunciata dalla Sala stampa vaticana il 5 settembre 2020, è stata firmata dal Papa il 3 ottobre 2020, in occasione della visita al santuario di Assisi, ed è stata resa pubblica il 4 ottobre, giorno in cui la Chiesa cattolica ricorda san Francesco d'Assisi. Il nucleo tematico è rappresentato dalla fraternità e dalla amicizia sociale, a partire da riflessioni circa la pandemia da COVID-19 del 2020.Fratelli tutti è la terza enciclica di papa Francesco scritta nel suo ottavo anno di pontificato. Annunciata dalla Sala stampa vaticana il 5 settembre 2020, è stata firmata dal Papa il 3 ottobre 2020, in occasione della visita al santuario di Assisi, ed è stata resa pubblica il 4 ottobre, giorno in cui la Chiesa cattolica ricorda san Francesco d'Assisi. Il nucleo tematico è rappresentato dalla fraternità e dalla amicizia sociale, a partire da riflessioni circa la pandemia da COVID-19 del 2020.Il titolo,

Fratelli tutti, riprende un'espressione di Francesco d'Assisi, ed è in italiano anche nelle versioni in altre lingue.

L'enciclica è suddivisa in otto capitoli e 287 punti; il documento si conclude con due preghiere: una «al Creatore» e l’altra «cristiana ecumenica» per infondere «uno spirito di fratelli».

Capitolo I - Le ombre di un mondo chiuso

Capitolo II - Un estraneo sulla strada

Capitolo III - Pensare e generare un mondo aperto

Capitolo IV - Un cuore aperto al mondo intero

Capitolo V - La migliore politica

Capitolo VI - Dialogo e amicizia sociale

Capitolo VII - Percorsi di un nuovo incontro

Capitolo VIII - Le religioni al servizio della fraternità nel mondo

--> Per chi volesse leggerla in formato PDF (cliccaqui) 

 

Laudato si' è la seconda enciclica di papa Francesco scritta nel suo terzo anno di pontificato. Benché porti la data del 24 maggio 2015, solennità di Pentecoste, il testo è stato reso pubblico solo il 18 giugno successivo. Il nome Laudato si' deriva dal Cantico delle creature di san Francesco, che loda il Signore per le sue meravigliose creature.Laudato si' è la seconda enciclica di papa Francesco scritta nel suo terzo anno di pontificato. Benché porti la data del 24 maggio 2015, solennità di Pentecoste, il testo è stato reso pubblico solo il 18 giugno successivo. Il nome Laudato si' deriva dal Cantico delle creature di san Francesco, che loda il Signore per le sue meravigliose creature.L'argomento principale trattato è l'interconnessione tra crisi ambientale della Terra e crisi sociale dell'umanità, ossia l'ecologia integrale. Papa Francesco ha precisato infatti che "non si tratta di un'enciclica verde ma di un'enciclica sociale".

In concomitanza con la presentazione dell'enciclica, papa Francesco ha istituito la giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. L'enciclica, come è tipico nei testi pontifici, prende il nome dall'Incipit. Il titolo e le parole di apertura dell'enciclica sono tratte dal Cantico di San Francesco d'Assisi, il più antico testo poetico in lingua italiana di cui si conosca l'autore:(IT) «Laudato si, mi Signore, cun tucte le creature tue»(San Francesco d'Assisi, Cantico delle Creature). Papa Francesco ha scritto nell'enciclica che ha scelto i nomi Francesco Papa, perché per lui San Francesco è stato "una sorta di dichiarazione di intenti e una fonte d'ispirazione": «Credo che Francesco sia l'esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole e di una ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticità.»

--> Per chi volesse leggerla in formato PDF (cliccaqui) 

 

Lumen fidei è la prima enciclica di papa Francesco, pubblicata il 29 giugno 2013, nell'anno della fede. Il testo della lettera enciclica è stato iniziato da papa Benedetto XVI durante il suo pontificato, poi consegnato al suo successore Francesco che ne ha esteso e firmato il lavoro.Lumen fidei è la prima enciclica di papa Francesco, pubblicata il 29 giugno 2013, nell'anno della fede. Il testo della lettera enciclica è stato iniziato da papa Benedetto XVI durante il suo pontificato, poi consegnato al suo successore Francesco che ne ha esteso e firmato il lavoro.In essa viene affrontato il tema della fede, in continuità con le due precedenti encicliche di papa Benedetto XVI, Deus caritas est e Spe salvi, dedicate rispettivamente alla carità e alla speranza, chiudendo così la trilogia sulle virtù teologali.Contenuto:

L'enciclica consta di sessanta paragrafi, suddivisi fra un'introduzione (sette paragrafi) e quattro capitoli.Introduzione:

L'introduzione presenta il tema della fede vista come una luce che illumina e come una luce da "riscoprire".

Capitolo I: Abbiamo creduto all'amore. Il primo capitolo presenta la dinamica della fede attraverso il racconto biblico della storia della salvezza: da Abramo al popolo di Israele, fino al compimento della fede in Gesù e alla riflessione su di lui operata dagli scritti del Nuovo Testamento.

Capitolo II: Se non credete, non comprenderete. Il secondo capitolo mette a tema il rapporto tra fede e verità, amore e ragione: il pontefice sostiene non esserci contrapposizione tra fede e ragione, ma reciproco arricchimento.

Capitolo III: Vi trasmetto quello che ho ricevuto. Il terzo capitolo presenta gli strumenti con cui suscitare e far crescere la fede: innanzitutto la comunità dei credenti, cioè la Chiesa; inoltre il battesimo e gli altri sacramenti; infine la preghiera del Padre nostro e il decalogo.

Capitolo IV: Dio prepara per loro una città. L'ultima parte dell'enciclica presenta la rilevanza della fede rispetto ad alcuni temi della vita sociale: il bene comune, la famiglia, la società, la sofferenza.Conclusione: L'enciclica termina con una riflessione e una preghiera rivolta a Maria, indicata come modello per ogni credente.

--> Per chi volesse leggerla in formato PDF (cliccaqui)